Dopo Elena, un altro bambino dimenticato in auto e morto

Dopo la morte della piccola Elena, la bimba di soli 22 mesi “dimenticata” dal padre in auto per cinque ore e deceduta dopo alcuni giorni agonia, notizia che ha letteralmente scioccato l’intero Paese, l’incubo si è riproposto. Questa volta, è capitato ad un bambino di soli 11 mesi, Jacopo, anche lui “abbandonato” dal padre nella sua auto, parcheggiata per diverse ore sotto il sole, con 30 gradi di temperatura, di fronte al Club velico del Trasimeno dove l’uomo lavora. Per il piccolo Jacopo, quando il padre si è finalmente ricordato di lui, tuttavia è stato fin troppo tardi. Non ce l’ha fatta malgrado i soccorsi subito giunti sul posto.

Un altro padre che compie lo stesso errore nel giro di pochissimi giorni. Un altro padre che ora avrà sulla coscienza la morte del figlio ma anche la grave accusa di omicidio colposo, indubbiamente meno grave e pesante da sopportare rispetto alla prima. Oggi, l’autopsia sul corpicino del piccolo chiarirà in modo definitivo le cause del decesso, anche se i dubbi sarebbero ormai abbastanza risolti.

I genitori, ovviamente sono ora in un comprensibile stato di shock. Il padre, Sergio, un quarantenne del posto, lavora al circolo nautico ogni mattina dal martedì alla domenica come marinaio, prendendosi anche cura dell’intera struttura; la madre, Eva, è una psicologa di origini albanesi. Jacopo, era il loro unico figlio.

Dopo essere usciti di casa ieri mattina, insieme al piccolo, il padre ha quindi prima accompagnato la moglie al lavoro, poi si è recato al club velico. Solo dopo tre ore di lavoro, l’uomo, recandosi all’auto per tornare a casa, si è accorto di aver lasciato il piccolo sui sedili posteriori dell’Opel corsa nera, ancora nel seggiolino.

Secondo il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Carlo Corbinelli, si è trattato “di una tragica fatalità”. Prima dell’autopsia, la causa identificata per la morte del piccolo, è stata arresto cardio-circolatorio causato da una prolungata esposizione al sole.

E.L.

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing