Lele Mora resta in carcere. In lacrime: “Non ho più nulla”

Lele Mora, l’agente dei vip andato ormai in malora, dopo l’arresto dello scorso lunedì con l’accusa di bancarotta fraudolenta aggravata, è stato sentito ieri mattina dai magistrati, interrogato per circa un paio d’ore. Durante l’interrogatorio, Mora ha ammesso: “Ho speso tutti i soldi, non ho quasi più nulla” per poi lasciarsi andare alle lacrime, momento di cedimento poi superato brillantemente. Lele Mora, ha quindi spiegato i motivi che lo hanno spinto a far sparire l’enorme cifra contestatagli: il denaro, gli era utile in parte per l’acquisto di ville e appartamenti della fallita Immobiliare Diana; un’altra parte veniva spesa per “cose mie personali” ed una buona parte per fare regali a Fabrizio Corona. “Io spendevo il denaro senza accorgermene”, ha riferito.

Gli investigatori, tuttavia, dal pomeriggio di ieri si sono messi a lavorare sull’enorme quantità di materiale sequestrato dalla Guardia di Finanza dall’abitazione dell’impresario dei vip in viale Monza a Milano, vari documenti sui quali Mora stava lavorando e dai quali si spera di ricostruire il movimento di denaro, sia in Italia che altrove. Secondo gli inquirenti, infatti, il denaro fatto sparire da Mora sarebbe molto di più di quello contestatogli (oltre 8 milioni), e gran parte di esso potrebbe essere ancora in Svizzera.

Per luglio, è intanto previsto il secondo interrogatorio e fino ad allora è confermata l’ordinanza di custodia cautelare.

E.L.

Emanuela Longo Autore

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing