Roberto Carlos lascia il calcio: schifato dal comportamento dei tifosi razzisti

Il brasiliano 38enne, Roberto Carlos, non nasconde la propria enorme delusione nei confronti del comportamento di alcuni tifosi razzisti che nel corso del match durante la partita Krylya Sovetov-Anzhi, dagli spalti è stata tirata in campo una banana. E’ la seconda volta che accade questo gesto deprecabile ai danni di Carlos, il quale ha commentato: “Sono schifato dal comportamento dei tifosi”.

Dalla delusione, alla voglia di mollare tutto: “Spero che la Federazione russa, l’Uefa e la Fifa diano il giusto valore a questo episodio disgustoso”, ha commentato Roberto Carlos al termine della partita, al quotidiano Sport Express ha confessato di non avere più voglia di giocare, poiché, “atti del genere non devono essere tollerati nei Paesi civili”.

Dopo l’accaduto, dalle immagini trasmesse dalla televisione russa, Roberto Carlos ha prima abbandonato il campo, poi è tornato a sedere in panchina, visibilmente scosso.

La Federcalcio russa, intanto, ha invece intenzione di aprire un’inchiesta su quanto accaduto, con l’intento di punire in modo severo i responsabili del gesto.

T.G.

Emanuela Longo Autore

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing