Blackout Aruba, lenta ripresa. Silenzio sulle cause

La situazione per un milione e mezzo di siti e 5 milioni di caselle email oggi vittime del nuovo collasso di Aruba, ha iniziato lentamente a ripristinarsi, ma i molti utenti che si appoggiano ai server della società con sede ad Arezzo continuano a denunciare ancora numerosi disagi. Le linee telefoniche per chiedere assistenza, risultano non funzionanti (in precedenza la telefonata veniva interrotta senza neppure la voce preregistrata che avvertiva del disagio) e gli utenti vengono così tutti incanalati sul sito di Aruba, perfettamente funzionante, sul quale tuttavia non compaiono ancora le motivazioni del grave disagio. Unico appiglio, la notizia pubblicata due giorni fa di un aggiornamento in vista nella notte tra il 6 ed il 7 luglio scorsi e le scuse anticipate per gli eventuali disagi, aggiornamento comunque già andato a buon fine, stando sempre alla news del sito di Aruba.

Intanto, L’Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori pare abbia minacciato una “class action” per tutelare gli interessi degli utenti che hanno subito il disservizio.

“Stiamo ricevendo migliaia di chiamate e segnalazioni da parte di utenti danneggiati dal blackout dei server della società Aruba. l server Aruba gestiscono una grande parte del traffico web italiano e migliaia sono i consumatori e gli operatori economici che dal blocco dei server stanno subendo un danno economico notevole. Molti siti di e-commerce e servizi al pubblico sono inattivi o bloccati, causando danni per milioni di euro. Consigliamo pertanto agli utenti interessati di inviare la documentazione, con annessa quantificazione, del danno subito alla società Aruba e all’Adoc per conoscenza”, ha asserito il presidente di Adoc, Carlo Pileri.

V.G.

Emanuela Longo Autore

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Commenti

    Francesco D'Agostino

    (8 luglio 2011 - 19:08)

    La notizia dell’intevento di manutenzione non giustifica un bel nulla: l’intervento era previsto per la notte tra il 6 e il 7 lugllio, mentre il blackout si è verificato il giorno 8 luglio alle 12. Inoltre ho letto il messaggio nella sezinoe assistenza di aruba.it e viene precisato che l’intervento è finito e perfettamente riuscito… come no! peccato che l’ammalato sia morto. Come cliente con 30 domini e un server su Aruba sono estremamente deluso e lascerò subito questo fornitore, che giudico inaffidabile e non attento alle esigenze dei clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing