Libia, liberati i quattro giornalisti italiani: “Stiamo bene”

Dopo ore di grande panico, sono stati da poco liberati i quattro giornalisti italiani sequestrati lo scorso mercoledì mattina in Libia. Dalle prime informazioni, la liberazione sarebbe avvenuta per mano di due giovani che avrebbero fatto irruzione nella casa privata di Tripoli dove erano prigionieri. Durante la liberazione, nonostante non sia ancora del tutto chiara la dinamica, ci sarebbero stati momenti di grande violenza e concitazione.

Elisabetta Rosaspina, una dei giornalisti sequestrati, ha avuto moto di parlare con il direttore del Corriere della Sera Ferruccio de Bortoli, rassicurando sulle buone condizioni di salute dei suoi colleghi. La comunicazione, tuttavia, si è interrotta prima che Bortoli potesse parlare con l’altro inviato, Giuseppe Sarcina.

La liberazione dei quattro giornalisti, è stata confermata anche dalla Farnesina.

Domenico Quirico, è riuscito subito a mettersi in contatto con la redazione de La Stampa: “Sono vivo, vegeto e libero. Adesso sto bene, fino a un’ora fa pensavo di essere morto”.

Ricordiamo che i quattro giornalisti, Elisabetta Rosaspina e Giuseppe Sarcina del Corriere della Sera, Domenico Quirico della Stampa e Claudio Monici di Avvenire stavano viaggiando sulla stessa auto quando sono stati bloccati da un gruppo di civili, uccidendo l’autista e sequestrando gli inviati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing