Caso Tarantini, cambia la posizione di Berlusconi ora probabile indagato

La posizione del premier Silvio Berlusconi, in merito all’inchiesta sul presunto ricatto ai suoi danni da parte di Giampaolo Tarantini, della moglie Angela Devenuto e del direttore dell’Avanti Walter Lavitola, rischia ora di ribaltarsi. E’ questo l’ennesimo colpo di scena  che vedrebbe ora il presidente del Consiglio rischiare di essere coinvolto in qualità di indagato per aver indotto Tarantini a fornire false dichiarazioni ai magistrati.

Oltre al cambio del capo di imputazione riguardante Lativola ed il coinvolgimento di Berlusconi nell’inchiesta di Bari sulle escort, il Riesame ha anche individuato l’autorità giudiziaria di Bari come quella competente a procedere, e non più Napoli o Roma.

Il Riesame, avrebbe anche deciso l’annullamento dell’ordinanza cautelare nei confronti di Giampaolo Tarantini e della moglie e confermato il provvedimento restrittivo per Walter Lavitola.

Emanuela Longo Autore

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing