Ezio Greggio: “Con Box Office ho vinto la mia sfida contro chi mi sconsigliava di farlo”

Il tanto acclamato 3D è finalmente giunto anche nel cinema nostrano; a farsi pioniere di tale tecnologia, è la pellicola Box Office 3D, che vede il mattatore del piccolo schermo nonché conduttore del Tg satirico di Canale 5, Ezio Greggio, nei panni di produttore, registra ed interprete.

Con un cast ricchissimo, composto da Gigi Proietti, Antonello Fassari, Maurizio Mattioli, Enzo Salvi, Anna Falchi, Giorgia Wurth e Max Pisu, Greggio si diverte a prendere in giro il cinema hollywoodiano, che nell’ultimo anno si è proposto di far uscire nelle grandi sale ben 27 sequel. Box Office 3D, racchiude così una serie di parodie di maggiore successo, genere ampiamente congeniale allo stesso regista, ironizzando ed indossando i panni dei protagonisti di pellicole del calibro di “Il Codice da Vinci”, “Il Gladiatore”, “Il Signore degli Anelli”, “The Fast and the Furious”, “Harry Potter”, “Twilight” e “Avatar”. Il divertimento è assicurato, così come anche la prevedibilità delle varie gag.

In merito, Greggio ha dichiarato sulle pagine del settimanale TelePiù: “Con Box Office ho vinto la mia sfida contro il parere di tanti che mi sconsigliavano di farlo. Mi dicevano che in America i film in 3D incontrano molte difficoltà nella produzione. Ma io mi sono preparato. Ho fatto le mie ricerche, ho scelto i tecnici più esperti, italiani, inglesi e americani. Ho creato un gruppo eccezionale che ha fatto un lavoro tecnicamente innovativo. E poi gli attori che ho chiamato, tutti grandissimi, hanno capito in pieno lo spirito del film. Il genere che mi è più congeniale: la parodia. In Box Office 3D c’è quella delle pellicole di maggiore successo”.

Emanuela Longo Autore

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing