Sarah Scazzi, al via la prima udienza. In aula Michele Misseri; Sabrina in lacrime

E’ un giorno importante, oggi, per quanto riguarda il caso relativo all’uccisione della povera Sarah Scazzi, la ragazza di Avetrana (Taranto), uccisa il 26 agosto del 2010. Nella giornata odierna, infatti, si sta svolgendo la prima udienza del processo per l’omicidio di Sarah. Già poco prima delle ore 9, in aula erano presenti i genitori della piccola assassinata, Giacomo Scazzi e Concetta Serrano, ed il fratello Claudio.

Presso il palazzo di Giustizia di Taranto, non sono mancati giornalisti ed operatori televisivi, pronti a riprendere per quanto possibile, qualche particolare significativo in merito ai protagonisti dell’udienza. Il gran numerosi di operatori tv e cronisti, ovviamente, ha portato a non pochi problemi di natura logistica, tanto da spingere il vicesindaco di Avetrana, Alessandro Scarciglia, a dichiarare: “Siamo stati bombardati dai media e non eravamo ovviamente abituati a tutto questo. Avetrana ha subito un danno di immagine enorme”.

“Il problema – ha poi aggiunto – non è il risarcimento dei danni, che comunque chiederemo. Avetrana non meritava tutto questo. Qualche attore principale di questa vicenda pensa di essere in uno show e anche alcuni mass media hanno esagerato”.

Presente in aula anche Michele Misseri, accompagnato dal suo avvocato, mentre in una gabbia, le due detenute accusate dell’omicidio, Sabrina Misseri, figlia di Michele, che è scoppiata più volte in lacrime dall’inizio dell’udienza, e la madre Cosima Serrano, oltre al sindaco di Avetrana, Mario De Marco, la cui presenza è giustificata dal fatto che il Comune chiederà di costituirsi parte civile nei confronti della famiglia Misseri.

Emanuela Longo Autore

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing