Sanremo 2012, i TESTI delle canzoni: Arisa con “La Notte”

Rosalba Pippa, in arte Arisa, approderà per la terza volta al Festival di Sanremo, in occasione della 62esima edizione in partenza da oggi, martedì 14 febbraio 2012. La canzone che presenterà sul palcoscenico dell’Ariston si intitola “La Notte” e vede la firma del suo ex, Giuseppe Anastasi, stesso autore di grandi successi della cantante, tra cui citiamo “Sincerità” e “Malamorenò”.

Il brano presentato racconta le vicende di una donna confusa che, la notte per l’appunto, dopo una dura giornata di lavoro e difficoltà, riflette sulle sue debolezze umane, facendo ammenda. La canzone, rappresenta un vero e proprio cambiamento da un punto di vista musicale dell’artista che, per l’occasione, cambierà anche look. Addio ai grandi occhiali e all’abbigliamento in perfetto stile anni ’50.

Tale trasformazione, è la stessa Arisa ad averla commentata sulle pagine del Tv, Sorrisi e Canzoni, confessando: “Non volevo che il mio aspetto finisse per oscurare quello che faccio e quello che sono”.

Dopo il successo avuto nell’ambito dell’ultima edizione di X Factor andata in onda su Sky, nei panni di giudice (la sua Antonella Lo Coco è giunta terza), Arisa temeva che in qualche modo proprio la sua presenza come volto di Sky potesse compromettere la sua partecipazione a Sanremo. Alla fine, così non è stato. A seguire, vi proponiamo il testo del brano.

La Notte

Non basta un raggio di sole in un cielo blu come il mare
perché mi porto un dolore che sale che sale
Si ferma sulle ginocchia che tremano e so perché
E non arresta la corsa lui non si vuole fermare
perché è un dolore che sale che sale e fa male
Ora è allo stomaco fegato vomito fingo ma c’è
E quando arriva la notte e resto sola con me
La testa parte e va in giro in cerca dei suoi perché
Né vincitori né vinti si esce sconfitti a metà
La vita può allontanarci l’amore continuerà
Lo stomaco ha resistito anche se non vuol mangiare
Ma c’è il dolore che sale che sa e e fa male
Arriva al cuore lo picchiare più forte di me
Prosegue nella sua corsa si prende quello che resta
Ed in un attimo mi scoppia la testa
Vorrebbe una risposta ma in fondo risposta non c’è
E sale e accende gli occhi il sole adesso dov’è
Mentre il dolore sul foglio è seduto qui accanto a me
Che le parole nell’aria sono parole a metà
Ma queste sono già scritte e il tempo non passerà
Ma quando arriva la notte e resto sola con me
La testa parte e va in giro in cerca dei suoi perché
Né vincitori né vinti si esce sconfitti a metà
La vita può allontanarci l’amore continuerà
E quando arriva la notte e resto sola con me
La testa parte e va in giro in cerca dei suoi perché
Né vincitori né vinti si esce sconfitti a metà
La vita può allontanarci l’amore continuerà

>>LEGGI GLI ALTRI TESTI DELLE CANZONI DI SANREMO 2012<<

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing