Terremoto in Emilia: “Rendere libere le reti wifi”

Da qualche minuto, sui principali social network Facebook e Twitter, sta circolando un appello sulle bacheche dei vari utenti, nel quale si invita ad aprire le reti wifi nelle zone colpite, al fine di permettere una comunicazione tramite sistemi alternativi al telefono, anche in seguito all’interruzione delle linee in determinate zone: “In seguito alle nuove scosse l’appello è quello di APRIRE LE RETI wifi domestiche ed aziendali. Chi avesse ancora attiva in quelle zona una connessione internet WiFi protetta da password, la renda libera e accessibile per permettere a chiunque di comunicare via Skype”.

A tal fine, il comune di Bologna ha aperto a tutti il proprio sistema internet wifi Iperbole al quale ora ci si può collegare senza password: ”Una decisione presa – spiega una nota – per migliorare le comunicazioni che, a causa del forte sisma che ha colpito questa mattina l’Emilia, risultano essere difficoltose”.

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing