Attentato Brindisi, Sabrina torna a casa: “Ho capito subito che Melissa non c’era più”

A distanza di oltre un mese dalla tragica esplosione avvenuta la mattina del 19 maggio di fronte la scuola superiore Morvillo Falcone di Brindisi, in seguito alla quale perse la vita la giovane studentessa Melissa Bassi, parla ai microfoni di TgCom24 una delle ragazze ferite, Sabrina, tornata a casa dopo aver trascorso le ultime settimane in ospedale.

E’ ancora enormemente ferita Sabrina, più nell’anima che nel corpo. Impaurita e cambiata, come dichiara la stessa ragazza ai giornalisti. Il pensiero di quel tragico giorno, resta ovviamente impresso nella sua mente: “Penso sempre a quel giorno. Specialmente la notte, come un incubo”.

In seguito all’esplosione, commenta la ragazza: “Mi ricordo che sono caduta a terra, ho sentito la botta sulla schiena. E mi sono risvegliata in pronto soccorso”. Immediatamente dopo, Sabrina dice di essersi resa conto che Melissa non era più tra loro: “Ho capito subito che Melissa non c’era più, tutti parlavano delle altre ragazze… ma non di lei”, racconta.

Ora, la studentessa ha solo un sogno che vorrebbe rendere reale: “Voglio tornare a scuola, magari i primi giorni saranno difficili ma voglio tornare. Devo riprendere la mia vita piano piano”.

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing