Volo Ryanair cancellato, 170 persone bloccate tra cui Mogol: “Un’odissea”

TopNotizie.it 27 luglio 2012 0

Da giovedì sera, circa 170 passeggeri del volo Ryanair diretto a Bari, sono bloccati all’aeroporto dell’isola greca di Kos senza assistenza né informazioni. Il volo in questione, che sarebbe dovuto partire alle ore 23:00, è stato cancellato, probabilmente per motivi di visibilità. Tra i passeggeri, anche una bambina di soli tre mesi, il celebre cantautore Mogol e la legale di Cittadinanzattiva, Marina Venezia.

Quest’ultima, nello specifico, avrebbe annunciato una raccolta firme (secondo il sito del quotidiano Il Corriere della Sera, ne sarebbero state raccolte già un centinaio) al fine di ottenere dalla compagnia un risarcimento per danni morali e materiali. A tal proposito, il presidente del Codacons, Carlo Rienzi ha annunciato: “Partirà presto la class action e la denuncia all’Enac”.

Ha commentato Marina Venezia: “Dovevamo partire giovedì sera con il volo 7777 della Ryanair, ma non è mai partito. Abbiamo fatto il check-in regolarmente e siamo stati in fila per tre ore e mezzo senza avere alcun tipo di comunicazione del perchè del ritardo. Siamo costretti a bivaccare in aeroporto e per strada. Solo in serata abbiamo avuto un panino e una bottiglietta d’acqua. Ma nessuno ci ha comunicato perchè il volo non c’è stato. E nessun tipo di assistenza ci è stata fornita dalla stessa Ryanair. Forse ci sono stati problemi di visibilità per nebbia, così ci hanno informalmente detto alcuni operatori dell’aeroporto. Anche altri voli sono stati cancellati ma le compagnie hanno fornito sistemazioni alberghiere ai passeggeri. A noi no”.

Anche Mogol ha commentato l’episodio: “Stiamo vivendo un’odissea, un disagio terribile. Da quello che sono riuscito a sapere, ma per vie del tutto indirette l’aereo su cui saremmo dovuti partire è arrivato da Bari ed è andato a Rodi e lì si è fermato perchè rotto. Per quel che possiamo capire da terra la visibilità era buona. Io sono stato in aeroporto fino alle 3,30 e poi a mie spese, ovviamente, ho trovato una sistemazione in hotel. Ora ci hanno detto che partiremo stamattina alle 11.15, con 12 ore di ritardo. Un’odissea…”.

I passeggeri in attesa, intanto, avrebbero già effettuato un nuovo check-in e dovrebbero rientrare in Italia con il volo delle 11:15.





CONDIVIDI!

-:341

Lascia un commento »

WP-SpamFree by Pole Position Marketing