Costa Concordia, Schettino: “Sono e resto un comandante”

“La verità di quella notte deve ancora essere ben capita, ben assimilata”. Sono queste le parole rilasciate in un’intervista a La Stampa da Francesco Schettino, il Comandante della Costa Concordia, coinvolto nella tragedia che costò la vita a 32 persone, al largo dell’Isola del Giglio.

Schettino è stato contattato telefonicamente dal quotidiano presso la sua casa di Meta di Sorrento dove ha l’obbligo di dimora, porgendogli alcune domande in merito al disastro: “Non mi posso sbilanciare, parlerò in modo più approfondito dopo il 15 ottobre quando si svolgerà l’incidente probatorio”, ha dichiarato.

Non si sbilancia, dunque, dichiarando soltanto: “Sono un uomo discreto, non saprei cosa dire. Lascio la parola ai giudici e ai periti che stanno facendo bene il loro lavoro. Sono convinto che emergerà tutta la verità”.

In base alle perizie eseguite, pare che anche il manager dell’unità di crisi da terra della Costa Roberto Ferrarini, avrebbe qualche responsabilità, ma anche su questo punto Schettino resta cauto: “Sono un gentleman, non spetta a me intervenire su questo particolare. L’avvocato Leporatti è qui a casa mia per valutare con me la vicenda giudiziaria”.

In merito al suo ruolo ha poi dichiarato: “Sono e resto un comandante”.

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing