Terremoto al Sud: numerosi crolli ed un morto

TopNotizie.it 26 ottobre 2012 0

La terra continua a tremare nel nostro Paese in modo piuttosto violento. Dopo il grave sisma dell’Emilia, nella passata notte è stato il Sud ad essere colpito da una violenta scossa di magnitudo pari a 5, registrata all’1:05 nella provincia di Cosenza. In base alle informazioni fornite dall’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, l’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Mormanno e Laino Castello, a una profondità di 6,3 chilometri.

Alla prima forte scossa, ne sono susseguite oltre cento, la più forte di magnitudo 3.3. Il sisma, nella zona del massiccio del Pollino, al confine tra Basilicata e Calabria tra le province di Potenza e Cosenza e la scossa più forte è stata avvertita anche a Napoli, Taranto ed in Sicilia. Per il grande spavento, un anziano è morto a Scalea dopo essere stato colto da infarto.

A Mormanno, luogo maggiormente colpito, la Croce Rossa ha lavorato per tutta la notte; i principali danni si sono registrati in relazione a case ed edifici. Nello specifico, la cattedrale di Mormanno è stata definita inagibile mentre l’ospedale è stato evacuato. Anche una casa di riposo a Laino Borgo è stata evacuata per ordine del sindaco in seguito alle lesioni della struttura. Ad Altomonte, in provincia di Cosenza, le scuole sono state chiuse su decisione del sindaco, in attesa delle necessarie verifiche.

Stando a quanto dichiarato al TgCom24 dal capo della protezione civile, Franco Gabrielli, recatosi nel luogo dell’epicentro, “Il territorio ha risposto molto bene, ma questo non vorrei che rappresentasse la perversione dell’ottimismo. Siamo stati bravi, ma non è finita”.





CONDIVIDI!

-:529

Lascia un commento »

WP-SpamFree by Pole Position Marketing