99 Posse, Zulù aggredito prima di un concerto da un gruppo che esponeva simboli di estrema destra

zulù 99 posseIl cantante dei 99 Posse, Zulù, è stato vittima ieri di un’aggressione poco prima dell’esibizione del suo gruppo presso un pub di Velletri. Il cantante e un fonico, dopo aver parcheggiato la sua auto si sono trovati una “ventina di persone che esponevano simboli di estrema destra”, stando al racconto dei protagonisti. Poi, la violenta aggressione con “cinture e altri oggetti atti a offendere”. Concerto ovviamente saltato e scuse della band al proprio pubblico.

Stando alla notizia riportata questa mattina dal quotidiano online del Corriere della Sera, Zulù punta il dito contro i neofascisti, ritenuti i responsabili dell’aggressione subita: “Vigliacchi, capaci di farsi forza solo in branco e in schiacciante superiorità numerica”, ha commentato. Stando al racconto, in seguito all’aggressione sarebbe subito intervenuta la sicurezza del locale che ha messo in fuga gli aggressori “impedendo che l’episodio avesse conseguenze più gravi delle contusioni, dei tagli e delle abrasioni superficiali riportate dai nostri compagni”.

Alla fine però, il gruppo avrebbe deciso di non sporgere denuncia “perché crediamo che l’antifascismo non si pratichi in quegli stessi tribunali che assolvono gli assassini di Stefano Cucchi“, hanno dichiarato i membri della band.

Emanuela Longo Author

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing