Tragedia nel Bresciano: avvelenamento avrebbe causato la morte di Andrea e Davide Iacovone

Giulia Calchetti 17 luglio 2013 0

Due bambini morti in incendio palazzina nel BrescianoI due fratellini Andrea e Davide Iacovone non sarebbero morti nell’incendio scoppiato nella casa del padre in Valcamonica. Secondo i primi esiti dell’autopsia, non ci sarebbero tracce rilevanti di fumo nei polmoni dei due bambini, dunque sarebbero morti prima che divampasse il rogo. L’autopsia è durata un paio di ore svolgendosi alla presenza anche di un consulente di parte

su richiesta del legale di Erica Patti, la madre di Andrea e Davide. Secondo gli accertamenti, dato che sui corpi non sono state rilevate tracce di violenza, i due fratelli sarebbero stati narcotizzati. L’ipotesi più probabile al momento rimane, quindi, quella di un avvelenamento, ma per avere ulteriori dettagli si dovrà attendere gli accertamenti chimico-tossicologici nei prossimi giorni. Il fascicolo per duplice omicidio resta aperto contro ignoti. I sospetti si

concentrano tutti su Pasquale Iacovone, ricoverato presso il reparto grandi ustionati di Padova. Iacovone era stato denunciato più volte per stalking dalla moglie e, inoltre, l’uomo aveva minacciato in più di una occasione i figli. Secondo l’avvocato di Erica Patti, quella che è avvenuta era una “tragedia annunciata”I funerali dei due piccoli si svolgeranno sabato alle 15. Dopo l’autopsia, la Procura della Repubblica di Brescia ha infatti disposto il nulla osta per la sepoltura.

 





CONDIVIDI!

-:476

Lascia un commento »

WP-SpamFree by Pole Position Marketing