Oprah Winfrey vittima di razzismo in una boutique

oprah-winfreyLa celebre e ricca conduttrice televisiva americana Oprah Winfrey è stata vittima di un episodio discriminatorio e di razzismo. L’accaduto lo ha rivelato la stessa Oprah durante un’intervista di Larry King su Cbs. La conduttrice, a Zurigo per il matrimonio di Tina Turner, ha ammesso di essere trattata con sufficienza e leggerezza da una commessa di una prestigiosa boutique di Bahnhofstrasse, la via più lussuosa della città svizzera.

“Sono entrata per acquistare una borsa, – ha dichiarato Oprah – la commessa mi ha detto che costava 35mila franchi, aggiungendo che, per me, era troppo cara”. Di fronte alle insistenze della conduttrice televisiva afroamericana, la commessa, totalmente ignara di chi avesse di fronte, le ha proposto una borsa meno costosa, aggiungendo “non vorrei farla rimanere male”. A quel punto Oprah è uscita dalla boutique senza batter ciglio, per poi denunciare l’accaduto in alcune interviste. A Larry King ha svelato che istintivamente le era venuto l’impulso di tornare nel negozio per comprare tutta la merce: “Un po’ come la protagonista del film Pretty Woman – ha detto a King – ma poi ho pensato che quella commessa avrebbe preso una commissione e allora ho lasciato perdere”.

Dopo la diffusione del racconto, immediate le scuse dell’Ente per il turismo svizzero: “Siamo fortemente irritati, quella persona si è comportata malissimo, presentiamo le nostre scuse ad Oprah”, ha cinguettato su Twitter. Trudie Goetz, la proprietaria della catena di boutique di lusso, tra l’altro invitata anch’essa al matrimonio della Turner, ha definito con imbarazzo il comportamento della sua commessa “un equivoco”, secondo quanto ha riportato il giornale Blick.

Comments

    Ted

    (11 agosto 2013 - 14:38)

    Un’altra trippona bifolca a stalle e strisce che pretende che tutto il mondo sappia la sua lingua e si prostri ai suoi piedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP-SpamFree by Pole Position Marketing